| eng
Cristina Kristal Rizzo

Markhor




Ideazione e performance Enrico Malatesta e Cristina Kristal Rizzo Suono dal vivo Enrico Malatesta Produzione CAB008 Residenze creative CANGO/ Cantieri Goldonetta Firenze e Festival APA-CHE.Vol.5#soundscapes Milano Con il sostegno di Regione Toscana, MiBAC e Comune di Firenze



Questo progetto mette in campo un incontro tra forme autonome di espressione, la danza di Cristina Kristal Rizzo e la materia sonora di Enrico Malatesta in una gene-razione dal vivo di sguardo e ascolto come grammatica dello stare nell’evento reci-proco. Frutto di due momenti di studio in cui l’elemento dell’improvvisazione per entrambi i performers é stato il campo di studio e di adesione all’autonomia del ge-sto, la piece si genera su alcuni elementi cardine, quali la produzione di suono at-traverso micro oggetti, automata, percussioni, che dispongono lo spazio come ascolto di una visione e l’utilizzo del corpo come potenza agente del ritmo in dive-nire. Lo spazio dell’ascolto é dunque materia e forma auto generante per una visio-ne in cui i sensi si predispongono al micro e al macro, al gioco del movimento dei corpi e degli oggetti coinvolti, ad un libero seguire di un’onda sonora.
(…) Il Markhor é una capra selvatica in via di estinzione ed é l’animale nazionale del Pakistan, durante la stagione degli amori, i maschi combattono tra di loro, bal-zandosi addosso e incastrando le corna nel tentativo di far perdere l'equilibrio all’avversario. (…) I Markhor emanano un odore pungente, ben più intenso di quello delle capre domestiche.


Enrico Malatesta (1985) è percussionista e ricercatore indipendente, attivo in ambiti sperimentali posti tra musica, performance e intervento site-specific; la sua pratica esplora la relazione suono-spazio-movimento e la vitalità dei materiali con particolare attenzione alle superfici, alle modalità di ascolto e alla definizione di informazioni multiple attraverso un approccio ecologico e sostenibile allo strumento percussivo. Presenta il proprio lavoro in Italia, Europa, Nord America, Giappone e Corea del Sud, partecipando a importanti festival di musica sperimentale, contemporanea e arti performati-ve tra i quali Biennale di Venezia, Romaeuropa Festival, KunstenFestivalDesArts (Bruxelles), All Ears Festival (Oslo), Seoul Foundation for Art and Culture (Seoul), Festival Cable (Nantes).
Collabora regolarmente e in diversi progetti con artisti del calibro di Giuseppe Ielasi, Seijiro Muraya-ma, Nicola Ratti. Parallelamente presenta il proprio lavoro attraverso workshop, lectures ed inter-venti site-specific, collaborando con strutture indipendenti ed istituzionali in tutta Europa.
Dal 2007 collabora con Teatro Valdoca e Mariangela Gualtieri. Dal 2015 collabora con Socìetas – Chiara Guidi. Dal 2017 collabora con Orthographe. Fondatore di MU e FREQUENTE, organizza-zioni indipendenti rivolte all’organizzazione di eventi, rassegne e workshops dedicati al suono, mu-sica sperimentale e pratiche spaziali, attive a Milano e nel territorio romagnolo. È stato ospite insie-me a Giovanni Lami della IV edizione di Apache nel 2017.
enricomalatesta.com

img
img
img
img